I tavoli di lavoro

I tavoli di lavoro dove ospiti, relatori e iscritti affronteranno i diversi temi di discussione

TAVOLO 1 – PROSPETTIVE OPERATIVE

Perché faccio arte urbana? Come faccio arte urbana? Da queste domande “seminali” per definire la prospettiva del fare arte urbana, il tavolo intercetterà anche temi che hanno a che fare con la “struttura” del fare, ovvero quella dei distretti della creatività urbana, delle urban art commission, e delle figure che, anche se informalmente, iniziano a palesarsi nel contesto urbano, ovvero i cosiddetti curatori di quartiere.

Moderatori

  • Stefano Antonelli (999 Contemporary)
  • Luca Borriello (INWARD)

Partecipano

  • Marco Cecchi – Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pontedera
  • David Ardito, ACU Collettivo Boca, Avellino
  • Fijodor Benzo – ACU Il Cerchio e le Gocce, Torino
  • Susan Petri – PAG Progetto Area Giovani, Trieste (skype)
  • Famiglia Cinquegranelli – Parco dei Murales di Ponticelli
  • Xel – street artista, Torino
  • Luigi Loquarto – street artista, Trani
  • IABO – street artista, Napoli

Quando?
L’8 febbraio dalle 17 alle 19 e il 9 febbraio dalle 9.30 alle 13.30

Dove?
Fondazione FOQUS (aula in via di definizione)

TAVOLO 2 – ARTE PUBBLICA, ISTITUZIONE, TEMPO

Il tavolo proverà a mettere a fuoco dei temi e a individuare delle istanze, istanze precise rispetto a: partecipazione, buone prassi, legalità, tutela dell’intervento artistico, opportunità, rigenerazione urbana, integrazione/identità. Ci si interrogherà se la partecipazione dei cittadini è condizione essenziale per dare valore sociale all’arte urbana, se esso è strumento per generare abilitazione e appropriazione, se esistono scalabilità, se esiste l’esigenza di proteggere e gestire l’arte pubblica nel tempo. Si affronterà anche il tema della partecipazione e della relazione fra pubblico, privato e cittadini

Facilitatori

  • Ledo Prato (Mecenate 90)
  • Valeria Mazzesi (GAI)

Moderatori

  • Anna Kitlas – 167 Art Project, Lecce
  • Denise Borda (Associazione Piazza Boves), Luca Serale (Assessore Urbanistica Comune di Cuneo) – Progetto Piazza Boves, Cuneo
  • Antonino Perrotta (Artista), Francesco Maiolino (Assessore alla Cultura e Turismo di Diamante) – OSA Street Art, Diamante (CS)
  • Ruben Marchisio – Associazione Monkeys Evolution, Torino
  • Giancarlo Gallitano – SOS Ballarò Palermo

Quando?
L’8 febbraio dalle 17 alle 19 e il 9 febbraio dalle 9.30 alle 13.30

Dove?
Fondazione FOQUS (aula in via di definizione)

TAVOLO 3 – PUBBLICO, PRIVATO, ATTIVAZIONE: LE NUOVI DIMENSIONI DELL’ARTE URBANA

Chi la favorisce e come? Cosa favorisce e come? Questi quesiti cardinali scaturiscono dal rapporto che storicamente l’attore pubblico e privato, nel momento in cui agiscono nello spazio pubblico per produrre arte urbana. Un corto circuito che determina l’esplosione di una costellazione di questioni, riferibili a questo binomio, ma sufficientemente complesse da costituire oggetto di riflessione autonoma. Ragioneremo se l’arte pubblica deve essere “facilitata” dalle istituzioni, se le Istituzioni possono essere mediatrici e collanti tra diverse esigenze degli attori che creano arte pubblica urbana, se la policy del “fare arte in città” può essere istituzionalizzata. Domande che ci aiuteranno a indagare in profondità una triangolazione da sempre esistente e che da sempre affronta aspetti produttivi (finanziamenti, organizzazione, permessi, riconoscimento), sociali (partecipazione, identità, cittadinanza, appartenenza), legali (diritti di proprietà, autorizzazioni, degrado, copyright, censura) e di governance (chi/come fa, chi/come gestisce, chi/come progetta, chi/come usa)

Moderatori

  • Claudio Gnessi (Ecomuseo Casilino)
  • Tavolo della creatività urbana (Comune di Napoli)

Partecipano

  • Alessandra Arpino – Forgotten Project, Roma
  • BOL Pietro Maiozzi – Artista, Roma
  • Paolo Velona’ – Pinacci Nostri, Roma
  • Carmelinda Comandatore – Social Media Strategist @TVBOY, Catania
  • Andrea Vannucci – Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Firenze
  • Silvia Tarassi – Staff Assessore alla Cultura del Comune di Milano

Quando?
L’8 febbraio dalle 17 alle 19 e il 9 febbraio dalle 9.30 alle 13.30

Dove?
Fondazione FOQUS (aula in via di definizione)

TAVOLO 4 – RIGENERAZIONE, RIQUALIFICAZIONE, VISIONI

L’arte urbana sembra trovare il suo centro di gravità permanente in una dimensione chiaramente percepita, eppure molto poco codificata: il quartiere. Ma possiamo davvero riconoscere nel quartiere la dimensione della città in cui si esplica l’arte pubblica? L’arte urbana, inoltre, agisce sempre come agente di trasformazione dello spazio pubblico. Ma questa trasformazione cosa produce? Cittadinanza? Rigenerazione? Riqualificazione? Immaginazione? Cambiamento? Oppure è solo un gioco, serissimo, che esula il contesto dato spaziale e simbolico?

Moderatori

  • Renato Quaglia (Fondazione FOQUS)
  • Rachele Furfaro (Fondazione FOQUS)

Partecipano

  • Paola Monasterolo – Fondazione Mirafiori Sud, Torino
  • Matteo Bidini – Street Levels Gallery, Roma
  • Nadia Vedova – Kallipolis, Trieste
  • Alessandro Omodeo – Outdoor Festival, Roma
  • Antonella Agnoli – esperta culture urbane, Bologna
  • Olga Scotto di Vettimo – Accademia di Belle Arti di Napoli

Quando?
L’8 febbraio dalle 17 alle 19 e il 9 febbraio dalle 9.30 alle 13.30

Dove?
Fondazione FOQUS (aula in via di definizione)

TAVOLO 5 – RIGENERAZIONI UMANE

L’arte pubblica esiste solo nella dimensione del muralismo? Possiamo iniziare a ragionare su un catalogo di forme che vada oltre quella che viene considerata come unica e sola? Esistono pratiche artistiche che si esplicano nello spazio pubblico o agiscono lo spazio del pubblico che utilizzano linguaggi altri, che si riferiscono a pubblici diversi, che rigenerano altro rispetto allo spazio della vita quotidiana?

Moderatori

  • Manuela Barone e Paola Piscitelli (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli)
  • Anna Gesualdi (TeatrInGestAzione)

Partecipano

  • Prof. Maria Cerreta (DiARC Università Federico II Napoli) – “Living Lab”, processi di riattivazione, Napoli
  • Nicola Ciancio (autore e curatore / Milano-Napoli); Simona Da Pozzo (artista / Caracas); Giovanna Crisafulli (autrice e ricercatrice / Bari-Milano) – “Exvoto”, collettivo creativo
  • Federica Terracina (Artista / Orvieto), Loretta Mesiti (Dramaturg di Altofest / Bruxelles) – “Abito”, progetto artistico
  • “Soundscape – Incursioni acustiche”, Milano
  • “Lumina – Spersi nella landa”, Milano
  • Isabella Bordoni (artista e curatrice), Caterina Gobbi (artista) – “Terzo Paesaggio”, Milano
  • Guerrilla SPAM – Collettivo artistico, Torino

Quando?
L’8 febbraio dalle 17 alle 19 e il 9 febbraio dalle 9.30 alle 13.30

Dove?
Fondazione FOQUS (aula in via di definizione)

ST.AR.T sta arrivando!